22 APRILE - GIORNO DELL'INVAZIONE DELLA TERRA DEGLI INDIANI - RADIO CONNESSIONE

Post Top Ad

BANNER 728X90

venerdì 1 maggio 2020

22 APRILE - GIORNO DELL'INVAZIONE DELLA TERRA DEGLI INDIANI




La scoperta fu in realtà un'invasione della terra degli indiani.

Nell'aprile del 1500, dopo 45 giorni di viaggio, la flotta di Pedro Álvares Cabral arrivò in Brasile - il fatto divenne noto come la scoperta del paese.
Tuttavia, le terre brasiliane erano già occupate dalle popolazioni indigene.
Il professor Paulo Chaves ha riferito al Progetto Istruzione che l'arrivo dei portoghesi, in effetti, è stata un'invasione del paese.

Cabral arrivò a Porto Seguro, Bahia, con 13 barche, 1.400 uomini tra cui marinai, navigatori, impiegati, cuochi, sacerdoti e aiutanti. Lasciarono il Portogallo in cerca delle Indie, ma arrivarono sulla costa meridionale di Bahia, il 22 aprile 1500. Sbarcarono solo il 23, quando scoprirono che le terre non erano disabitate. Circa 3 milioni di indigeni, gli indiani, vivevano già in Brasile.

“Questo caratterizza erroneamente la visione tradizionale secondo cui sarebbe stata una scoperta. In realtà, il Portogallo non ha scoperto il Brasile, ha occupato, invaso, presentando così diverse nazioni indigene. Se il Brasile aveva già una popolazione indigena locale, questa non è una scoperta, ma un risultato. Le comunità erano divise tra diverse nazioni, tra le quali quattro gruppi erano i principali: i Tupis, sulla costa e parte dell'interno, i macro-Jés nel nord del bacino amazzonico; gli aruaques, nel Plateau centrale; e i cariris, anche nella regione amazzonica."

Alcune di queste civiltà vivevano ancora come nel periodo paleolitico, producendo solo ciò di cui avevano bisogno per mantenersi, senza eccedenze. “Alcune tribù Tupi si stavano già spostando dal Paleolitico, motivo per cui stavano producendo un'agricoltura rudimentale, nella cosiddetta fattoria bianca, dove venivano piantati manioca, patate, fagioli. Se queste comunità non avessero prodotto eccedenze, non vi sarebbero stati scambi commerciali tra loro ", ha affermato Paulo Chaves.

L'assenza di scambi non era l'unico punto che differenziava la vita degli indiani e dei portoghesi. Le comunità primitive brasiliane non conoscevano la schiavitù fino ad allora. “A differenza degli africani che, durante la guerra, furono ridotti in schiavitù, i nemici degli indiani furono sottoposti all'antropofagia, al cannibalismo liturgico. Queste comunità credevano che, consumando la carne del nemico, avrebbero acquisito le loro virtù, come il coraggio, la destrezza, le abilità di guerriglia ", ha detto il professore.

Un altro aspetto praticato era l'infanticidio: quando nacquero i gemelli, i bambini furono sacrificati, poiché erano considerati rappresentazioni del bene e del male. Sebbene fossero diverse le une dalle altre, le civiltà primitive del Brasile avevano molti punti in comune, come body painting, danza e musica, con la produzione di strumenti a fiato, come flauti e fischi, e percussioni, come tamburi e tamburelli.

Nessun commento:

Posta un commento

EVENTI - supporto culturale

Image and video hosting by TinyPic

Random Posts

BANNER 728X90